Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Posts tagged ‘Cento’

Casumaro: disfida nazionale del Tortello di Zucca

disfida tortello

Cento: Tutto è pronto per la diciassettesima edizione della Disfida Nazionale del Tortello di Zucca che quest’anno si ripropone nella bella cornice della sala polivalente di Casumaro.
La Disfida, nata nel lontano 1994, rappresenta il palcoscenico ideale per la valorizzazione e la celebrazione di un piatto che oltre ad essere identitario della vasta pianura padana si è dimostrato duttile, contaminato e contaminante.
Il Tortello di Zucca dispiega le proprie ricette, con generosità e fantasia. sulle due sponde del Grande Fiume. Due sono schematicamente le grandi “scuole” che distinguono le ricette:quelle che lavorano sui ripieni ed avranno quindi condimenti semplici come burro e formaggio e viceversa quelle che prevedono grandi condimenti, come i ragù carnei, che avranno invece ripieni semplici con zucca, parmigiano-reggiano e un pizzico di noce moscata. Dentro questo schema ci stanno poi centinaia di varianti che fanno di questo piatto, un cibo che cambia da paese in paese, da borgo in borgo, da casa in casa.
La formula della serata sarà quella ormai collaudata ed affermata: gourmet, nuovi gastronomi, giornalisti, cuochi ma anche commensali, semplicemente curiosi ed intelligenti, giudicheranno le varie ricette in concorso e contribuiranno ad aumentare l’ alone di leggenda che circonda questo piatto dalle fattezze femminili, dai tramandi identitari e famigliari, dal gusto avvolgente e suadente, capace di coinvolgere i sensi e la memoria. In questi anni la Disfida ha contribuito a salvare decine di ricette, ad aumentare gli ettari coltivati di varietà di cucurbitacee, quali la “cappello del prete” e la “violina”, messe in dimenticatoio da un agricoltura industriale e dissennata oltre che massiva.
Sei saranno le ricette in degustazione proposte da: 1- ristorante Ai Due Platani di Coloreto di Parma; 2- ristorante La Lanterna di Diogene di Solara di Bomporto (MO); 3- ristoro Da Lazzaro e Dosolina di Ro (FE); 4- Comunità delle Rizdore di Casumaro di Cento; 5- trattoria Del Cavalier Saltini di Pomponesco (MN); 6- trattoria Brunello di Scandolara di Zero Branco (TV). Come sempre il clima sarà quello di una gara “rigorosa” e “giocosa” che avverrà ai fornelli “a suon di tortelli”.
La formula della Disfida Nazionale del Tortello prevede che cuochi e commensali siano protagonisti della serata. Questi ultimi costituiranno come sempre la giuria popolare e, assieme alla giuria tecnica, decreteranno il piatto più gradito della serata.
Il vincitore della Disfida si aggiudicherà lo stendardo simbolo della manifestazione realizzato dal pittore Emilio Mattioli, che potrà affiggere nel proprio locale per l’ intero anno.
Il costo della serata inclusa la selezione dei vini sarà di 30 euro per i soci Slow Food e 35 euro i non soci. E’ possibile pernottare a prezzi convenzionati.

CR Cento visite guidate alla sede storica e alla collezione d’arte

Palazzo Cento

Cento: “Invito a Palazzo”: è il titolo dell’iniziativa che consentirà a molti cittadini di tutta la regione di visitare, sabato 1 ottobre prossimo, la parte storico-artistica di Palazzo Rusconi, sede della Cassa di Risparmio di Cento.

La “giornata speciale” è stata promossa dall’Associazione bancaria italiana allo scopo di valorizzare veri e propri monumenti non sempre fruibili al pubblico. A questa decima edizione, che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, hanno aderito oltre 50 banche per un totale di cento palazzi in tutta Italia.

La Cassacentese, che partecipa al ristretto Comitato organizzatore nazionale, ha predisposto cinque visite guidate (solo su prenotazione: tel. 051-6833236): la mattina (ore 10 e 11,30) e il pomeriggio (alle 15,30 -  17 e 18,15). Sarà così possibile ammirare non solo alcune sale originali e suggestive ma anche la collezione d’arte che comprende quadri di Guercino e Bonzagni.

La CR Centoha restaurato alcuni ambienti del palazzo che risale alla seconda metà del XVIII secolo e che prende nome dal marchese Rusconi, secondo proprietario dell’immobile. Il palazzo venne infatti costruito dal capitano Giovanni Tavecchi che lo cedette poco dopo. Nel 1878 l’immobile passò alla CR Cento che però fin dal 27 marzo 1859 (data di inizio dell’attività dell’istituto di credito) vi aveva aperto gli sportelli al piano terra.

Una nota di curiosità è rappresentata dal fatto che durante una breve sosta a Cento con le sue truppe, l’ex re di Napoli Gioacchino Murat vi fu ospitato il 5 aprile 1815 dal marchese Domenico Rusconi. All’altezza della prima rampa dello scalone d’onore lo stesso nobile fece apporre una grande lapide per ricordare ai posteri che nel 1815, per decisione del Congresso di Vienna, anche le province di Bologna e di Ferrara erano state restituite alla Santa Sede.

Il palazzo, “di nobile ispirazione”, fu costruito su progetto dell’architetto centese Pietro Alberto Cavalieri, anche autore della pregevole ex chiesa di San Lorenzo (oggi sede di frequenti esposizioni) e dell’elegante campanile di San Biagio su cui salì Goethe nel bel mezzo del suo viaggio in Italia trovando ispirazione per descrivere la città di Cento e il suo territorio.

Il “pezzo forte” del palazzo è costituito dal prestigioso salone di rappresentanza che per decenni ospitò gli uffici della banca e l’esattoria. In tempi più recenti ha assunto la doppia funzione di sede delle assembleee dei soci della Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, e di incontri e  pubbliche iniziative promosse da Banca e Fondazione.

Cento. Psaico Bop trio meets Sabir Mateen

Psaico Bop

Cento: Giovedì 29 settembre, al club “Vino e…” di Cento (FE) si preannuncia una serata musicale di altissima qualità che vede coinvolta una della formazioni più innovative del panorama jazzistico italiano, il trio Psaico Bop composto da Tiziano Zanotti al contrabbasso, Alessio Alberghini al sax soprano e baritono e Claudio Trotta alla batteria. Guest star d’eccezione, il polistrumentista e compositore americano Sabir Mateen al sax contralto e tenore, per un concerto all’insegna dell’energia graffiante e della sperimentazione.
Originario di Philadelphia, Sabir Mateen (classe 1951) debuttò discograficamente trenta anni fa con la Pan African People’s Arkestra del pianista californiano Horace Tapscott. Da allora la sua evoluzione lo ha portato a diventare una delle voci imprescindibili della nuova avanguardia di New York, città nella quale è giunto nel 1989 per collaborare con il batterista Sunny Murray. Negli ultimi dieci anni la sua attività è divenuta frenetica, suonando con il quartetto di Ralph Malik, One World Ensemble, Tenor Rising – Drum Expanding, ed il suo trio con John Voigt e Lawrence Cook. Incide inoltre una serie di registrazioni in duo con Sunny Murray, Hamid Drake e Ben Karetnick. Ugualmente a proprio agio con tutta la gamma delle ance, si distingue in particolar modo con il sax tenore, alternando momenti di furiosa aggressività ad altri di delicata introspezione, dimostrando di possedere un’espressione di grande complessità.
Il concerto è organizzato dal Cento Jazz Club. Per info e prenotazioni tel. 051/6832242.