Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Posts tagged ‘Copparo’

Patrizio Bianchi: La Zucca, i coriandoli e la strega cicciona

de_micheli

Copparo. Dal libro alla scena, la serata sarà caratterizzata da un breve momento di incontro con l’autore, dove Patrizia Lucchini converserà con Patrizio Bianchi; mentre la seconda parte della serata sarà dedicata alla lettura di alcuni brani del libro; lo spettacolo è arricchito dalle musiche appositamente scritte per l’occasione da Roberto Manuzzi ed eseguite dall’autore e, al pianoforte, dal maestro Teo Ciavarella.

lettore angelico Giuliano Giubelli
lettore contadino Marcello Brondi
Roberto Manuzzi fisarmonica e sax
Teo Ciavarella pianoforte

produzione Teatro Comunale De Micheli

Racconti, racconti e poi ancora racconti di “quando nelle sere d’inverno, la nebbia era una coltre di aghi ghiacciati o delle notti delle nostre estati, in cui l’aria si faceva tanto rarefatta…”
Racconti di quando si era ragazzetti di campagna, di quando i bambini erano bambini e si giocava nei grandi cortili, dove i bambini erano tanti, ma tanti…
Racconti di quell’epoca dei Coppi e dei Bartali, di quell’epoca in cui si riprese a tirar su case perché “la guerra è finita, il paese cresce e la gente…”
Nel suo nuovo libro di racconti Patrizio Bianchi ridà vita al paese della sua infanzia e adolescenza, in un susseguirsi di piccole storie, che inseguono la Grande Storia, dalla tragedia della guerra al tempo delle speranze, a quello delle disillusioni, in attesa di una nuova speranza.

Patrizio Bianchi, economista, professore universitario. Attualmente è assessore alla Scuola, formazione professionale, università e ricerca, lavoro della Regione Emilia-Romagna. Ha ricoperto la carica di Magnifico rettore dell’Università di Ferrara.

Ciclovia del Po, presentazione di due nuove guide

copparo

Copparo: Lo stand Biciclette e Dintorni, allestito all’interno del Settembre Copparese in occasione del Decennale Destra Po, offre tra le sue tante proposte, per martedì 27 settembre alle ore 21.15 un appuntamento di grande importanza, la presentazione della nuovissima guida “La Ciclovia del Po”, due volumi editi da Ediciclo e promossi dalla Regione Emilia Romagna. A presentare la guida, Claudio Pedroni, resp. Fiab Reti Ciclabili e autore dell’opera, e Laura Schiff, Dirigente Qualità Aree Turistiche della Regione Emilia Romagna.
La guida si divide in bicicletta dalla sorgente a Cremona” e in bicicletta da Cremona al Mare Adriatico” e come anticipato, è frutto dell’impegno della Regione Emilia Romagna nell’ambito del Progetto interregionale di sviluppo turistico “Valorizzazione turistica Fiume Po”.

La Ciclovia del Po è il migliore itinerario oggi disponibile per i ciclisti che intendano percorrere, lungo le due sponde del fiume, i 750 chilometri che separano Pian del Re, alle pendici del Monviso, dalla Lanterna di Pila, sul mar Adriatico. Il percorso lungo il Po proposto in questo libro è il risultato di sopralluoghi scrupolosi effettuati lungo le strade vicine al fiume, a partire dall’argine maestro, che hanno dato così continuità ai diversi tratti resi ciclabili dalle amministrazioni locali di Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Il paesaggio attraversato è quello tipico della Pianura Padana che, al contrario di quanto si pensa, è tutt’altro che monotono e offre stimoli e cromie uniche. Grazie alla bicicletta il territorio si fruisce in modo più libero e piacevole, con soste e momenti dedicati all’osservazione e al birdwatching, un giro in bici qui diventa un’esperienza unica. Rimangono nella memoria i porticati, i palazzi e i castelli dei piccoli borghi lambiti dal fiume oltre agli incontri con la gente e la gastronomia della Bassa che la guida incoraggerà con indicazioni chiare e precise attraverso box di approfondimento ed elenchi dei punti di ristoro e assistenza.

L’appuntamento con Claudio Pedroni, uno dei massimi esperti Fiab in materia di viabilità ciclabili è un’occasione da non perdere per tutti gli appassionati di cicloescursionismo.